Archivi categoria: Film

DIVERSI DA CHI? – La pecora nera

SCHEDA N°3

Pellicola: LA PECORA NERA
Data: Venerdì 30  Marzo 2012

di Ascanio Celestini

con Ascanio Celestini, Giorgio Tirabassi, Maya Sansa, Luisa De Santis, Nicola Rignanese

Italia – 2010 – 93 minuti

Locandina La pecora neraTrama:  Nicola e i suoi 35 anni di «manicomio elettrico»; nella sua testa scompaginata realtà e fantasia si scontrano producendo imprevedibili illuminazioni. Nicola è nato negli anni Sessanta, «i favolosi anni Sessanta», e il mondo che lui vede dentro l’istituto non è poi così diverso da quello che sta correndo là fuori – un mondo sempre più vorace, dove l’unica cosa che sembra non potersi consumare è la paura.

La critica: “La figurina incantata di Ascanio Celestini, corpo multisensoriale, spettacolo per una voce sola, off, ci accompagna ipnotizzante attraverso l’infanzia perenne di Nicola. Il bambino bellissimo ma già fuori dal mondo, in fuga dalla gang familiare oppressiva come lo sarà un padiglione dismesso di Santa Maria della pietà, il «condominio dei santi». La pecora nera (presentato in concorso alla Mostra di Venezia) non è un film sui matti, è una ballata elettrica, doppio sogno (come l’Inception di Christopher Nolan), spazio dove Nicola da grande cerca di ritagliarsi il luogo della felicità.

 

 

 

TRAILER: http://www.youtube.com/watch?v=MK3PXV9JdQo

Scheda di approfondimento –> Parte 1Parte 2

Presentazione –> Clicca qui

DIVERSI DA CHI? – Mare dentro

SCHEDA N°4

Pellicola: MARE DENTRO
Data: Venerdì 23  Marzo 2012

di Alejandro Amenábar

con Javier Bardem, Belen Rueda, Lola Dueñas, Mabel Rivera, Celso Bugallo

SPAGNA – 2004 -125’

Locandina Mare dentroTrama: Ramón è costretto a letto da trent’anni. La famiglia si prende cura di lui. La finestra della sua stanza che affaccia sul mare è l’unica apertura verso il mondo. Da giovane ha navigato a lungo e sul mare gli è capitato l’incidente che gli ha rovinato la vita. Da allora, l’’unico suo desiderio è quello di mettere fine alla propria esistenza con dignità. L’arrivo di due donne sconvolgono il mondo di Ramón: Julia, l’avvocato che lo sostiene nella sua lotta di porre fine alla vita nel modo che ritiene giusto, e Rosa, una donna del paese, che cerca di convincerlo che vale la pena continuare a vivere comunque.

La critica: “Mare dentro affronta con delicatezza il complesso universo psicologico che sta dietro la cognizione del dolore: la perdita di una persona cara, le malattie incurabili, gli abbandoni, la piccola grande via crucis che la vita in quanto tale presenta a ciascuno di noi, presto o tardi, da giovani o da vecchi, in prima persona o negli affetti più intimi. Contemporaneamente però sia l’uno sia l’altro spalancano con efficacia stilistica e perfetta scelta di linguaggio cinematografico quel continente che ha nome fantasia e che è il grande territorio cui ricorriamo quando abbiamo bisogno di riprendere fiato, quando vogliamo trovare un ancoraggio ai ricordi, quando cerchiamo di far fruttare la ricchezza sterminata che un’idea, un sogno, un desiderio possono avere, il giardino incantato della felicità di cui noi soli possediamo le chiavi e che noi soli possiamo aprire a nostro piacimento.”

TRAILER: http://www.youtube.com/watch?v=YTc4CevuWPA


DIVERSI DA CHI? – I ragazzi stanno bene

SCHEDA N°3

Pellicola: I RAGAZZI STANNO BENE
Data: Venerdì 16  Marzo 2012

di Lisa Cholodenko

 con con Annette Bening, Julianne Moore

USA – 2010 -104’

Trama: Nic e Jules sono sposate e vivono in un’accogliente casetta fuori città nella California del Sud insieme ai loro figli adolescenti, Joni e Laser. Nic e Jules – o, come vengono soprannominate al plurale da Joni, “Moms” – hanno fatto nascere, hanno cresciuto i loro figli e sono riuscite a creare una vera famiglia composta da loro quattro. Ma quando Joni si prepara ad andarsene per frequentare il college, il fratello quindicenne Laser la convince a fargli un grande favore. Vuole che Joni, ora diciottenne, lo aiuti a rintracciare il loro padre biologico; i due adolescenti sono stati concepiti infatti grazie all’inseminazione artificiale. Sebbene poco convinta, Joni mantiene fede alla promessa fatta al fratello e riesce a prendere contatti con il loro padre biologico Paul, uno spensierato ristoratore. I due ragazzi resteranno molto affascinati dallo stile di vita indipendente, da vero scapolo incallito, di Paul. Anche Jules, che sta cercando di iniziare una nuova carriera come progettista di giardini, sentirà il desiderio di essere amica di Paul. Ma quando Paul farà il suo ingresso nella vita dell’atipico quartetto, inizierà per tutti loro un nuovo, inaspettato capitolo, in cui verrà  messo in discussione l’equilibrio familiare preesistente.

 

La critica: “I ragazzi stanno bene”, è stato definito dalla critica come un film di “seconda generazione” per ciò che concerne le tematiche gay, poiché esso non tratta nello specifico le classiche problematiche legate all’omosessualità; viceversa, pone il focus sulle vicende di una famiglia, coi suoi punti di forza e le sue fragilità, in una particolare fase di sviluppo: i primi segnali di svincolo dei figli adolescenti, dal nucleo famigliare. Allo spettatore salta subito all’occhio che questa famiglia ha entrambi i genitori appartenenti al sesso femminile, uno scenario al quale noi italiani siamo abituati sicuramente molto meno rispetto agli abitanti di Los Angeles (città in cui si svolge la storia). L’attenzione è però calamitata dall’evidenza che le dinamiche trattate sono le stesse che caratterizzano qualsiasi coppia o nucleo famigliare e questo spinge lo spettatore a percepire un presupposto di normalità in una situazione di estraneità.

Interessante risulta essere il paragone tra il sottotitolo della locandina originale e quella nostrana: il primo è “Nic e Jules avevano la famiglia perfetta, fino a quando incontrarono l’uomo che ha reso tutto questo possibile”, il secondo è invece “Pensavano di essere una famiglia normale…”. Questa  scelta italiana, che contraddice il significato del film, potrebbe essere indicativa del fatto che la nostra cultura non sia abituata a questo tipo di famiglia.

TRAILER: I ragazzi stanno bene

Scheda di approfondimento –> Clicca qui

Presentazione –> Clicca qui

DIVERSI DA CHI? – Precious

SCHEDA N°2

Pellicola: PRECIOUS
Data: Venerdì 09  Marzo 2012

di Lee Daniels

 con Mo’Nique, Paula Patton, Mariah Carey, Sherri Shepherd, Lenny Kravitz

USA – 2009 -110’

Locandina italiana PreciousTrama: Precious Jones ha diciassette anni, un corpo obeso e un figlio nel ventre (il secondo ed entrambi sono frutto di incesto). A scuola viene derisa dai compagni anche perchè non ha ancora imparato a leggere e scrivere. A casa la madre non solo non la difende dalle violenze paterne ma la accusa di averglielo rubato oltre a cercare di ostacolare in ogni modo i suoi tentativi di riscatto dall’ignoranza. Precious però, solo apparentemente ottusa, tiene duro. Accetta l’offerta di iscriversi a una scuola con un programma speciale…la strada verso l’autodeterminazione non è però facile…

La critica: “Il film è un originale ed amarissimo racconto di un orrore inconfessabile consumato tra le mura di un degradato appartamento di Harlem. Clarice “Precious” Jones potrebbe facilmente essere un cliché, quello della ragazza obesa priva di aspirazioni e destinata a passare la vita dietro alle casse di McDonald’s o nei bagni pubblici delle stazioni, invisibile agli occhi altrui. Non lo è. I colori della sua immaginazione sono vividi, luminosi e raggianti, spiccano il volo nei momenti in cui sembrerebbe impossibile farli risplendere, nel bel mezzo di una turpitudine sulla quale calano il silenzio e la vergogna. Precious è un’amazzone, disillusa e, ciò nonostante, ferma nei propositi alla cui elaborazione assistiamo direttamente noi spettatori, fragile ma coraggiosa.

TRAILER: watch?v=1Ilnps8nCCE&ob=av3e

Scheda di approfondimento –> Clicca qui

Presentazione –> Clicca qui

DIVERSI DA CHI? – Che bella giornata

SCHEDA N°1

Pellicola: CHE BELLA GIORNATA
Data: Venerdì 02  Marzo 2012

di Gennaro Nunziante

 con Checco Zalone, Nabiha Akkari

ITALIA – 2011 -97’

Locandina Che bella giornataTrama: Checco, security di una discoteca della Brianza, sogna di fare il carabiniere ma viene respinto al colloquio. Grazie alla raccomandazione di uno zio presso il vescovo di Milano, si ritrova a lavorare come addetto alla sicurezza del Duomo. Qui conosce Farah, una ragazza araba che si finge studentessa di architettura per avvicinare la Madonnina, ai piedi della quale medita in realtà di depositare una bomba per vendicare l’uccisione della sua famiglia. Checco abbocca immediatamente all’amo di Farah, ma quel che la ragazza non può immaginare è che la maggior minaccia per il prossimo e per il patrimonio artistico italiano è rappresentata da Checco stesso: un esplosivo connubio di ignoranza e beata, razzista ingenuità.

La critica: “Una bella storia: Checco Zelone si ripropone con un film comico che, come nel primo film “Cado dalle nubi”, tocca tematiche sociali importanti con garbo ed ironia. Simpaticamente affronta il tema dell’integrazione razziale e dei possibili rapporti affettivi  tra persone di religioni diverse, non manca di dare uno sguardo alle difficoltà nel mondo del lavoro e nelle pessime abituidini delle raccomandazioni nel nostro paese, bellissima la battuta: “In italia studiare non serve”. Il film non è mai volgare, le gags sono esilaranti e gli attori convincenti. Tutto da ridere.”

TRAILER: http://www.youtube.com/watch?v=RxIipluong4

Scheda di approfondimento –> Clicca qui

Presentazione –> Clicca qui